Un caso di assassinio letterario efferato

I kanshi: versi scritti da poeti giapponesi in cinese

I kanshi di periodo Edo

La letteratura giapponese è vasta: per l’immensa produzione di testi in versi e in prosa; per la grande fruizione di libri da parte di tutti gli strati della popolazione, che fin dalla metà del Seicento conobbe un buon grado di alfabetizzazione e istruzione; per i numerosi generi, che nei secoli si sono affiancati l’uno all’altro, senza mai essere completamente dimenticati dai seguaci delle nuove correnti.

Di conseguenza, per dare un quadro generale della letteratura giapponese, gli studiosi e critici si sono soffermati prevalentemente sugli autori e le opere più rilevanti, che hanno contribuito a dare una chiave di svolta nell’evoluzione.

Eppure ci sono degli scheletri nell’armadio. Sono stati commessi dei delitti efferati.
Continue reading

Advertisements

Haiku prima di essere haiku (2)

Matsuo Bashō

Le origini del genere poetico giapponese più conosciuto al mondo (seconda parte)

Fu inevitabile che la vena creativa dei seguaci della Danrin cadde nella trappola di percorsi predefiniti, ma bisogna riconoscerle il merito, alle soglie del XVII secolo, di aver offerto a Matsuo Bashō,il poeta più riconosciuto e celebrato di tutti i tempi, l’occasione di intraprendere il suo percorso formativo come maestro di haikai, giungendo a un livello di liricità e sensibilità artistica di gran lunga superiore ai suoi predecessori. Continue reading

Haiku prima di essere haiku (1)

Le origini del genere poetico giapponese più conosciuto al mondo (Prima parte)

Kokinwakashū, dal sito del Tokyo National Museum

Il termine “haiku” 俳句, che oggi viene comunemente utilizzato per indicare un componimento di tre versi da 5-7-5 sillabe, fu coniato in periodo Meiji dal poeta Masaoka Shiki (1867 – 1902) per reinterpretare in chiave moderna un genere letterario che si era tramandato per secoli, lo haikai 俳諧. Per le sue origini antiche, lo haikai era composto secondo modelli e canoni diversi, a seconda di come alcuni gruppi d’intellettuali o singole personalità gli si approcciarono. Continue reading

Quale letteratura?

“Mi piace la letteratura giapponese!”, “Com’è la letteratura giapponese?”,
“Mi parli della letteratura giapponese?”

Chi ha studiato lingua e cultura giapponesi, ha sentito spesso e volentieri frasi e domande di questo genere.

“Letteratura giapponese” è un termine vago e comprende ogni forma di letteratura di ogni periodo storico del Giappone. Negli ultimi decenni, nello scenario letterario Occidentale si sono affacciati alcuni scrittori giapponesi che hanno avuto in brevissimo tempo un grande successo. Tre nomi fra i tanti: Mishima Yukio, Yoshimoto Banana e Murakami Haruki.
Continue reading

Giappone: Paese da libro elettronico?

Ultimamente mi sono interessato al mondo del libro digitale. Forse perché da un momento all’altro mi sono ritrovato a leggere con un eReader, regalatomi al compleanno, o forse perché per lavoro li devo consigliare e vendere. In ogni caso, penso che gli ebook siano un aspetto interessante della società, che cambia e che volge lo sguardo al futuro. Secondo un articolo della Repubblica di quest’estate, in Italia nel 2016 la vendita di libri elettronici supererà quella del cartaceo, portando inevitabilmente con sé nuove sfide (o minacce?) per le case editrici e le librerie.
Continue reading