Chi c’è dietro a ITAPPON?

Salve a tutti!

Chi ha appena scoperto ITAPPON Project probabilmente non conosce il fatto che in principio era un bel gruppetto che gestiva queste pagine e scriveva questi articoli. Aiutanti preziosissimi, il cui contributo potete ancora trovare in questo sito.

Tuttavia tra impegni, imprevisti, nuovi percorsi e vari progetti di vita, le strade dei membri si sono divise e così ci siamo trovati in tre: chi sta scrivendo (Chiara), Fra e Ken. Purtroppo quello che doveva essere un interessante progetto con sbocchi anche a livello commerciale e di mercato si è trasformato in un buco nero: energie e tempo venivano risucchiati con forza sempre maggiore, e non si vedeva alcuna luce oltre il tunnel. Così, come ideatrice del progetto e “leader” del gruppo, mi trovai costretta a dichiarare l’interruzione dell’attività di pubblicazione degli articoli con la speranza di poterla riprendere in tempi migliori.

Ed eccomi qua. Dopo più di un anno ho ripreso in mano questo sito e ho iniziato a raccontare e a condividere ciò che la mia esperienza di soggiorno studio in Giappone mi sta insegnando. Chissà se un giorno riuscirò a realizzare il sogno che sta dietro alla nascita di ITAPPON e che ancora oggi dorme tranquillo in un cassetto. Chissà se troverò mai qualcuno disposto a lottare con me per esso. Intanto lasciatemi scrivere di ciò che conosco e di ciò che vedo, e se avete bisogno non fatevi scrupoli a chiedere informazioni!(^-^)

Chiara

Advertisements

Quando si torna dal Giappone

Tornare nella propria madrepatria dopo sei mesi o più passati all’Estero è un’esperienza straniante. Per quanto mi riguarda è stato più facile abituarmi a vivere a Tokyo che ritornare per un breve periodo nel mio Paese. Non saprei spiegare il motivo: è una sensazione, uno stato d’animo e mentale. Sei nel tuo Paese, nella tua città natale, tra parenti, amici e persone che conosci da tanto (o da sempre). Tutto è così familiare. Sei felice ma allo stesso tempo senti che qualcosa non torna, che qualcosa manca. Continue reading

Visto studentesco per il Giappone

Gli accordi internazionali tra Italia e Giappone prevedono che

i cittadini italiani che si recano in Giappone per motivi turistici, commerciali, per partecipare a conferenze, visita a parenti o amici etc., per un periodo non superiore ai 90 giorni, non necessitano di alcun visto sul passaporto […].
Per i soggiorni superiori ai tre mesi il visto è obbligatorio per tutti.

Consolato Generale del Giappone a Milano (link)

Se avete deciso di partire per il Giappone per un periodo di studio superiore ai tre mesi e volete avere un’idea sulla burocrazia che vi aspetterà, questo articolo fa per voi.

Innanzitutto un’avvertenza non da poco: la procedura burocratica per ottenere il visto studentesco dura circa 6 mesi, perciò calcolate bene le tempistiche (es. se volete iniziare i corsi ad aprile, dovete incominciare le pratiche con la scuola già a ottobre dell’anno precedente)!!! Continue reading

Partire o non partire per un soggiorno studio in Giappone?

Chi ha la passione per un determinato Paese e ne studia lingua e cultura, prima o poi decide di partire per andare a toccare con mano ciò che tanto ha desiderato, imparato, letto o visto su libri, siti internet, articoli, video ecc. Se il Paese è vicino, questo desiderio si può realizzare un po’ più facilmente, ma se la meta è nota per essere collocata “dall’altra parte del mondo”, la questione potrebbe essere più complessa di quanto ci si possa aspettare. O anche meno terrificante. 😉
Continue reading