Il kotowaza della domenica – 3

Buona domenica a tutti!

Il kotowaza di oggi inizierà per………う!
Visto che ci stiamo avvicinando all’estate, per associazione d’idee ho scelto un kotowaza che parla di acqua e pesci:

魚心あれば、水心
(うおごころあれば、みずごころ;uogokoro areba, mizugokoro).

Questo kotowaza ha un significato molto importante e positivo. Se volessimo inventarci un proverbio dal messaggio simile potremmo dire che “gentilezza chiama gentilezza”, o che “a far del bene, si fa bene due volte (una agli altri, l’altra a noi stessi)”. Come il pesce che si prende cura dell’acqua in cui vive, e quest’ultima ha a cuore i propri abitanti, anche chi si comporta in modo gentile nei confronti del prossimo, sarà trattato nella stessa maniera dalla persona che ha beneficiato della sua bontà. Ahimè, purtroppo non è sempre così! A volte, chi è gentile viene usato o preso in giro. Nonostante ciò, le persone di animo gentile e buono non tradiscono loro stesse e continuano ad aiutare il prossimo e a sorridere. E’ quel sorriso che mi contagia ogni volta. Il sorriso di chi sta bene con se stesso. Forse dovremmo imparare un po’ tutti a essere più altruisti e gentili.
E dopo questa deviazione di stampo buonista, torniamo a parlare del kotowaza. La sua versione completa sarebbe: 「魚、心あれば、水、心あり」(uo, kokoro areba, mizu, kokoro ari). Il significato è lo stesso, solo che, con il passare del tempo, “uo” e “kokoro”, come “mizu” e “kokoro”, sono stati fusi in un’unica parola: “uogokoro” e “mizugokoro”.
Per chi inizia ad avere dei dubbi sulla mia competenza linguistica, in questo caso 魚 si legge proprio “uo” e non “sakana”, e il verbo non è ある “aru”, ma あり “ari”. Infatti, questo kotowaza non è scritto in giapponese moderno, ma classico.
Inoltre, se provate a cercare una traduzione in inglese o in italiano di questo kotowaza, troverete “scratch my back and I will scratch yours” o “una mano lava l’altra”. Il significato, come potete notare, non è lo stesso. Il kotowaza parla di un comportamento gentile nei confronti del prossimo, non di un’azione favorevole nei confronti di qualcuno che poi ti ripagherà. Non si parla di un tornaconto personale, ma di gentilezza fine a se stessa.

E con questo concludo.
Alla prossima!

Chiara

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s