Ce la giochiamo

Ciao a tutti!

Nell’articolo di oggi parleremo di un gioco di carte giapponese, chiamato 花札 (hana fuda), le cui carte sono caratterizzate da motivi floreali e animali, e sono divise secondo i mesi dell’anno. La particolarità di queste carte è che i loro nomi sono correntemente usati nel linguaggio quotidiano, per esempio:

shikato
Shikato

Questa si chiama シカト (shikato), che deriva da鹿の十 (shika no too), ossia “cervo” e “dieci” perché questa carta vale 10 punti.

Secondo quanto spiegato in questo sito http://gogen-allguide.com/si/shikato.html ,siccome questa carta, del mese di ottobre, ha rappresentato un cervo che volta la testa, si è venuta a creare il modo di dire しかとうする (shikatoo suru) per indicare il voltare le spalle o l’ignorare qualcuno. Pare inoltre che nel 1956, l’espressione fosse usata in gergo poliziesco per indicare qualcuno che “fa il finto tonto”; in seguito i delinquenti minorenni avrebbero iniziato a utilizzareシカト (shikato), senza allungamento, e successivamente l’espressione si sarebbe diffusa tra i giovani fino a diventare quella correntemente usata.

 Questa immagine schematizza efficacemente il cambiamento:

shikato2
Cambiamento in shikato

 

Lo stesso vale per una carta del mese di marzo, chiamata ピカイチ pika ichi, ossia la più luminosa, che da sola vale venti punti, e dalla quale è nata l’espressione ピカイチです(pika ichi desu), ossia eccellere, spiccare straordinariamente all’interno di un gruppo di persone o cose, per esempio 新入の中ではピカイチだ (shin iri no naka deha pika ichi da)

Ed ecco qui la carta in questione:

pika ichi desu
“Pika ichi desu”

 

 

Altra cosa molto interessante di questo gioco, è che alcune carte contengono antichi 平仮名 (hiragana) ormai inutilizzati, come nella carta a lato, del mese di febbraio.

aka yoroshi
“Akayoroshi”

La scritta non è あのよろし (anoyoroshi) ma あかよろし(akayoroshi, ka è la lettura dell’ideogramma indicato tra parentesi), e il significato, come spiegato nel dorama, sarebbe 明らかに宜しい (akirakani yorishii), ossia “davvero magnifico”.

Questi平仮名 (hiragana) non sono più usati dalla riforma 明治 (Meiji), che semplificò la scrittura selezionando una forma regolare di平仮名 (hiragana) e classificando le altre come varianti 変体仮名(hentai gana).

kana
Hentaigana

Il fascino del花札(hana fuda), comunque, deriva probabilmente anche dal fatto che sia strettamente collegato al mondo della ヤクザ(yakuza, mafia giapponese) e in particolare ai così detti 任侠映画 (ninkyou eiga, film ninkyou, di cui quest’ultimo termine è lo stesso termine che trovate nella carta del cervo), ovvero film su eroiche storie di ヤクザ (yakuza) che si sacrificano con abnegazione per salvare gli altri o il proprio capo.

Per sapere di più sul gioco di carte, e magari provare a giocarci, cliccate qui http://www.hanafuda.com

Mentre a proposito dei任侠映画 (ninkyou eiga) ecco il link della wikipedia inglese in merito: https://en.wikipedia.org/wiki/Yakuza_film#.22Borderless_Action.22_and_Ninkyo_eiga

 Questo è tutto, alla prossima!

 Enrica

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s